Prima Divisione
domenica 1 ottobre 2017
PALLAMANO
Pressano sorride espugnando Trieste, Mezzocorona a secco

Arrivano alla terza giornata i primi due punti stagionali per la Pallamano Pressano CR Lavis. I gialloneri reagiscono con rabbia all'avvio di stagione contratto espugnando il durissimo campo di Trieste col punteggio di 23-20. È la prima vittoria in terra giuliana dopo 3 anni e mezzo di digiuno sullo storico parquet triestino: un successo fondamentale, ottenuto in trasferta prima della sosta nazionale. Ossigeno puro per Giongo e compagni che salgono a quota 3 punti in classifica e guardano ora con fiducia ai prossimi impegni. Partita non perfetta ma più che positiva quella giocata dal team trentino, abile a scrollarsi di dosso i dubbi della vigilia soprattutto nella seconda parte del primo tempo. In avvio infatti la musica sembra la stessa delle precedenti due uscite: Trieste passa a condurre 2-0 ed il primo gol giallonero arriva al 5', seguito da una doppietta di Dallago che propizia il break di 1-4 per il primo vantaggio ospite sul 3-4. Il match vive di continui capovolgimenti di fronte, con Trieste che torna a condurre sul 6-4 ma subisce la reazione di Pressano che nella seconda metà del primo tempo impone il proprio gioco e scappa nel punteggio. La difesa e Sampaolo fanno ottima guardia, l'attacco si sistema e con le reti di Bolognani e Di Maggio la squadra trentina raggiunge il massimo vantaggio sul 9-13, perfezionato in 10-13 a fine primo tempo. Nella ripresa Trieste accorcia subito: un contropiede sbagliato dai gialloneri carica gli alabardati che si riportano sotto ma Pressano dimostra di essere in giornata determinata e con grinta ricaccia i padroni di casa sul 13-17. Nel momento più delicato tuttavia Pressano si scompone, Senta si vede sventolare il "rosso" e la squadra di Oveglia ritorna sotto sul 16-17 a metà ripresa. Sembra tutto da rifare per Pressano ma con grinta e le reti di un ispirato Dallago (8 reti e top scorer) i gialloneri tornano avanti e sigillano la vittoria grazie anche alle parate di un Sampaolo insuperabile nel finale. Raggiunto il +5 Pressano controlla fino al 20-23 finale che regala il primo sorriso stagionale alla squadra di Dumnic, tornato in panchina dopo 6 mesi. Lotta ma non riesce a spuntarla la Pallamano Metallsider Mezzocorona che cede fra le mura amiche del PalaFornai all'attrezzata formazione della Forst Bressanone. Una gara dove i rotaliani hanno dato filo da torcere alla squadra di Kramer, sempre sopra nel punteggio ma mai con un margine rassicurante. Mezzocorona ha pagato nella ripresa, dimostrando comunque di poter competere con ogni avversaria. Sensazioni positive nonostante il bottino vuoto: ora un weekend di pausa servirà a sistemare le idee per riprendere la stagione col piede giusto.

I tabellini delle due trentine impegnate

h 18:30 | Trieste - Pressano 20-23 (p.t. 10-13)
Trieste: Doronzo, Allia 1, Muran, Sodomaco, Baragona, Pernic 1, Crespo 4, Modrusan, Di Nardo 1, Carpanese, Dovgan 7, Postogna, Visintin 1, Udovicic 5. All: Giorgio Oveglia
Pressano: Facchinelli, Dallago 8, Moser, Bolognani 2, Chistè 3, D’Antino 1, Di Maggio 4, Fadanelli, Giongo 2, Bertolezi 1, Sampaolo, Folgheraiter, Senta 2, Moser. All: Branko Dumnic
Arbitri: Zendali - Riello

h 19:00 | Metallsider Mezzocorona - Brixen 22-26 (p.t. 8-13)
Metallsider Mezzocorona: Benigno, Manna 1, Chistè, Boev 3, Rossi 3, Pedron, Amendolagine, Luchin 1, Franceschini 3, Rossi, Tumbarello 8, Kovacic 4, Martone, Stocchetti. All: Luigi Agostini
Brixen: Plattner, Hirber 3, Castro 8, Brzic 2, Basic 1, Dorfmann 3, Wieland, Wierer, Slanzi, Penn 3, Ranalter, Oberrauch, Lazarevich 4, Sader 2. All: Rene Kramer
Arbitri: Carrera - Rizzo

Gli altri risultati del Girone A

h 19:00 | Bozen - Alperia Meran 27-21 (p.t. 9-12)

h 19:00 | Malo - Cassano Magnago 24-30 (p.t. 14-10)

La classifica aggiornata:

Bozen 6 pti, Cassano Magnago 5, Brixen 5, Alperia Meran 3, Trieste 3, Pressano 3, Malo 2, Metallsider Mezzocorona 1, Eppan 0*, Molteno 0*
*una partita in meno

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,453 sec.

Inserire almeno 4 caratteri

Foto di Matteo Bettega